logoIL PROGRAMMA DELLE TECNICHE

Jujutsu - Aikijujutsu - Kenjutsu

immagine

IL PROGRAMMA

Il programma d'insegnamento della scuola Daito è molto vasto e profondo; comprende(va) quasi tutto ciò che i bushi del clan Takeda-Aizu studiavano. Un punto importante da sottolineare è che tutte le tecniche della Scuola sono state create dall'esperienza derivata dai campi di battaglia ed in seguito adattate nei nella pratica nei vari dojo. Vedasi le battaglie del clan Minamoto, del clan Takeda, fino a quelle del clan Aizu. A tutte queste esperienze Takeda Sokaku ha aggiunto il suo musha-shugyo (viaggio d'apprendimento marziale) come ulteriore esperienza fatta sul "campo". Oggi le numerose tecniche dell'aikijujutsu sono utilizzate come efficace difesa personale applicabili in un contesto moderno. Il programma si sviluppa parallelamente tra studio del aikijujutsu ( 合気柔術 ) e studio del kenjutsu ( 劍術 ). A livelli di 3° dan viene introdotto lo studio delle altre armi, anche se sempre nei seminari vengono dimostrate parti di esso e quindi praticate da tutti i partecipanti.


合気柔術   L'AIKIJUJUTSU

L'aikijujutsu è un'arte marziale completa: accanto alle tecniche di lotta a corpo a corpo con calci, pugni, gomitate, (atemi-waza), proiezioni a terra (nage-waza), strangolamenti (shime-waza), leve articolari (kansetsu-waza), pressioni sui punti vitali del corpo umano (kyushu-waza) e proiezioni mediante l'uso dell'aiki (aikinojutsu) viene appreso anche l'uso di tutte le armi anticamente usate dai bushi (quali: spada, lancia, bastone, ecc.). Le numerose tecniche dell'aikijujutsu sono catalogate e divise in cinque rotoli (mokuroku) per un totale di "118 tecniche" (Shoden Hyakujuhachikajo). Ogni serie viene poi è classificata per ordine di difficoltà crescente d'esecuzione.


劍術   IL KENJUTSU
Lo studio del kenjutsu è per la nostra Scuola fondamentale, così Takeda Tokimune a questo proposito scriveva:

"[...] Per il fondamentale principio che solo attraverso la pratica dell'aikijujutsu non è possibile apprendere la vera essenza della nostra arte, ho chiamato l'arte Daito-ryu Aikibudo, sopratutto perchè io, che mi sono addestrato con mio padre sia nel corpo a corpo che nella spada, mi rendo conto di dover trasmettere l'Ono-ha Itto-ryu kenjutsu assieme all'aikijujutsu, arti che sono rimaste soli qui da noi ad Abashiri. [...]"


小野派一刀流  L'ONO-HA ITTO-RYU
L'Ono-ha Itto-ryu è una scuola tradizionale di kenjutsu, un stile (ha) della scuola Itto-ryu, creata intorno al 1580 da Ono Jiroemon Tadaaki (1565-1628). Ono fu discepolo di Itto Ittosai Kageshisa, fondatore dell'Itto-ryu (la Scuola di "una sola spada"). L'Ono-ha fu, fino alla restaurazione Meiji (1868), la scuola ufficiale di kenjutsu degli Shogun. Il clan Aizu, al servizio degli shogun Tokugawa, addestrava per loro capitani e samurai di grado superiore; l'Ono-ha era, di conseguenza, lo stile di scherma studiato da questo clan. Sokaku Takeda (1860-1943) apprese questo stile nel dojo Yokikan, in Aizu, dal maestro Shibuya Toma.


LE ALTRE ARMI STUDIATE
A livelli di 3° dan viene introdotto lo studio delle altre armi tipiche in uso dai samurai; sempre nei seminari vengono dimostrate parti di esso e quindi praticate da tutti i partecipanti. Questo programma comprende alcune delle armi classiche che i bushi di ogni clan studiavano; quali: jutte, tessen, kodachi, tanto, yari.